venerdì 23 novembre 2012

280 - Recitativi accompagnati (9)

Da questo punto in poi la disperazione di Idamante prende strade ancora più cupe: prima convinto che il padre fosse morto, ora lo riconosce ma ne viene subito allontanato senza poter capire il perché. 

Questa situazione di angoscia contrasta efficacemente con l'intermezzo che segue, in cui i Greci festeggiano tra canti e balli la sudata vittoria. Il primo atto si chiude quindi con l'euforia del coro e il secondo si apre con la celebre aria di Ilia "Se il padre perdei". Nel recitativo accompagnato che segue Idomeneo riprende alcuni passi dell'aria, ripensando alle parole della ragazza:


Questo procedimento è raro in Mozart, che di solito, nei recitativi accompagnati, anticipa il motivo dell'aria che segue anziché citare la precedente. Tanto più che il brano seguente ("Fuor del mar") è monumentale e fece a suo tempo la gioia dell'anziano cantante che la portò in scena per primo. 

Di tutt'altro umore, rispetto al tormentato Idomeneo, è invece Elettra, che pregusta in un altro breve recitativo accompagnato la prospettiva di partire sola con Idamante:




Nessun commento:

Posta un commento