giovedì 19 luglio 2012

248 - Concertati: il percorso mozartiano (18)

Dopo il primo concertato, sorto spontaneamente dall'ouverture, abbiamo a poca distanza un terzetto (Donna Elvira, Don Giovanni e Leporello) curiosamente bipartito: da una parte Donna Elvira si lamenta per essere stata sedotta, sposata e abbandonata, dall'altra il padrone e il servo si scambiano a parte i loro commenti sulla nuova arrivata, pur senza riconoscerla:


La caratterizzazione dei personaggi è ottenuta con un diverso trattamento degli intervalli: ampi quelli Donna Elvira, modestissimi quelli riservati a Don Giovanni e Leporello, che quasi cantano melodie su gradi congiunti. Questo gigantismo espresso nella distanza tra nota e nota nella parte di Donna Elvira tornerà anche nell'aria "Ah fuggi il traditor" e prenderà strade più complesse e accidentate nel Quartetto "Non ti fidar o misera", come vedremo.

4 commenti:

  1. oh cielo Elvira Bartoli... :D:D
    In effetti i salti ampi caratterizzano il personaggio di Elvira, nervoso e frustrato.
    La scrittura mozartiana del quartetto rende perfettamente la situazione: lo sfogo di una donna esasperata e ferita, e il parlottare sottovoce dei due nascosti osservatori.

    RispondiElimina
  2. A me fa impazzire per le facce che fa, entra proprio nel personaggio e non lo molla più :D

    Benché Donna Elvira sia un carattere notevolissimo nella sua teatralità e nella sua pazzia, descritta più ancor dalla musica che suggerita dal testo, più sfaccettato è il temperamento di Donna Anna.

    Entrambe dubitano, ma Donna Elvira ha un modo di fare più angoloso, mentre Donna Anna alterna momenti di slancio imperioso a teneri ripiegamenti in se stessa, come si può osservare nell'aria "Or sai chi l'onore" che la scolpisce indelebilmente.

    RispondiElimina
  3. Elvira mi ricorda un po' Elettra, con una linea di canto quasi nevrotica, con ampi salti e scatti improvvisi.
    A tratti Elvira sembra quasi vittima di una parodia mozartiana (per esempio l'arcaicizzante "ah fuggi il traditor")

    RispondiElimina
  4. Non so più chi abbia definito "Ah fuggi il traditor" una parodia dello stile di Handel. Certo è che lo è, nel ritmo, nelle colorature e nell'andamento della linea melodica.

    RispondiElimina