lunedì 30 gennaio 2012

226 - Concertati: il percorso mozartiano (14)

Nel finale del III atto Mozart rinuncia a un concertato, facendo assegnamento più su gagliardi interventi orchestrali (un fandango e una marcia) che sulle parti vocali (che si esauriscono in un recitativo e in un coro conclusivo).  


A far da contraltare al gigantesco finale del II atto sarà dunque (simmetricamente) quello del IV, altra perla della sua produzione operistica. Su uno sfondo di sotterfugi e travestimenti, dunque all'insegna della più stiracchiata tradizione, si parte dalle punzecchiature di Cherubino, personaggio in fin dei conti secondario se non fosse per la musica che Mozart scrive per la sua parte, e si arriva al perdono generale a beneficio di tutti i personaggi:


L'ultimissima scena (4:15) vede tutti i personaggi riuniti e finalmente in allegra, quasi frenetica concordia.


Nessun commento:

Posta un commento